Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘spazio’ Category

Vorrei che mi piacessero le spezie, perché così mi sentirei una persona esotica e interessante.

Vorrei che i gatti avessero venti vite anziché sette, e che i cani vedessero a colori.

Vorrei regalare il tempo che perdo a chi sa farne un uso migliore di me, e rubarne un po’ a chi non sa che farne.

Vorrei un’occasione alla settimana per festeggiare, due Natali all’anno e un autunno più lungo.

Vorrei un mondo in cui il pout pourri non esiste, in cui le cassiere sorridono di più e le commesse di meno.

Vorrei che le persone ce l’avessero meno con il tempo; così che il vento, la neve e la pioggia non si ritorgessero sempre contro di loro.

Vorrei essere meno permalosa, più docile e più autonoma. Vorrei avere spalle più forti.

Vorrei avere orecchie più grandi, per ascoltarti meglio, e anche una bocca più grande, per parlarti più spesso.

 

Vorrei un posto al mondo solo nostro, e tanti posti al mondo nostri solo per un po’ di tempo.

Annunci

Read Full Post »

La festa dei libri

Questo mio ultimo esame mi impone di aprire e rileggere tanti dei libri usati nei miei anni di università: un viaggio nel tempo e nella memoria. Stavano lì, tutti schierati sulla mia libreria, e adesso si affollano sul tavolo, cercando di accaparrarsi un posticino nel caos. Quando ne prendo uno dallo scaffale, mi piace se cade per terra un mio inserto, nascosto fra le pagine, che sia uno schema o un promemoria, perché li rende ancora più personali, come se custodissero dei segreti. Ogni tanto un librone fa un volo per terra, e il cane si spaventa a morte per il tonfo. Classico.

I miei libri preferiti sono quelli con le pagine sottili sottili, come quelle di un elenco telefonico, liscie e fitte di parole.  Non mi piacciono i libri con un’impostazione da enciclopedia, patinati, che non riesci a leggerli perché riflettono la luce, né quelli che usano colori pallidi per le intestazioni.  Odio i libri troppo alti, che non stanno ben aperti; mi piacciono quelli impaginati in modo tale che si lasciano agilmente sfogliare.

Riconosco quelli più vissuti, perché hanno sottolineature e evidenziature sovrapposte, e mi dispiaccio un po’ di esser stata così accanita con loro. Quelli con cui fino alla fine sono stata invece particolarmente delicata, usando esclusivamente lapis o matite colorate a tratto leggero, sono i miei tesori, e riserbo loro uno sguardo affettuoso. Tra loro poi, ho apprezzato molto quelli con un indice analitico molto accurato, che è fondamentale per velocizzare una ricerca, e quelli con i box riassuntivi alla fine dei capitoli, che possono salvare la vita nella necessità di un ripasso veloce.

Ricordo di averli accarezzati tutti, ma di averli amati di più nel momento in cui ho potuto riporli. E adesso che sono qui tutti insieme, aperti e sovrapposti tra loro,  chiamati all’ordine per l’occasione, mi sembra come una piccola festa dei libri, o una loro riunione. E ognuno dice la sua, e ascoltarli tutti insieme è impossibile, ma fanno un chiasso davvero piacevole.

Read Full Post »

Tutti lottiamo con lo spazio che abbiamo a disposizione.  Lo riempiamo fino all’orlo, ne vorremmo di più. A volte invece ci sembra enorme e inutile, così ci scegliamo un angolino che diventa il nostro preferito. Chiediamo privacy, mettiamo cartelli con su scritto “vietato entrare”, poi invitiamo gli amici a vedere la nuova libreria. Ci creiamo uno spazio nel mondo là fuori e nella vita delle altre persone, ma spesso non lo sentiamo nostro, e allora lo vogliamo barattare con un altro, uno su misura per noi.  Sgomitiamo per allargarci, ringhiamo se sentiamo minacciato il territorio conquistato; poi ne concediamo spontaneamente un pezzettino, poi un altro, e nella migliore delle ipotesi lo condividiamo con qualcuno.

Questo è semplicemente uno spazio in più, a mio totale ed esclusivo uso.  Potessi ci scaverei un buco per piantarci una bandierina con su scritto il mio nome. Non essendomelo per niente guadagnato, e non avendolo neanche comprato o barattato con qualcos’altro, per sdebitarmi potevo solo usare il primo post a questo proposito.

Read Full Post »